ESCURSIONI DAL PASSO
 

L'attacco dell'AltaVia Bepi Zac






Il "Lagusèl"








Alte VieAlte VieAlte VieAlte VieAlte Vie

Alta Via Bepi Zac    Difficoltà: EE  Dislivello: m. 231

Attrezzata con corde fisse e scale di legno, percorre i vecchi camminamenti austriaci della I° Guerra Mondiale. Il primo tratto, che raggiunge la Sforcela Uomo in 5 ore ca. attraverso le Creste di Costabella e la Sforcela Ciadin, presenta spunti di interesse paesaggistico (vista a 360° su tutti i gruppi dolomitici della val di Fassa: il Latemar il Catinaccio il Sasso Piatto il Sella la Marmolada e i Monzoni) e storico (lungo tutto il percorso, che si snoda in parte in galleria, si incontrano resti di opere belliche come trinceramenti, baracche, scale e passerelle in legno). Poco dopo Cima Campagnaccia un sentiero consente, a chi desidera abbreviare la traversata, di scendere al Passo S. Pellegrino. Il 2° tratto, che raggiunge Cima Uomo, è consigliabile solo ad alpinisti esperti.


Alta Via Bruno Federspiel    Difficoltà: EE allenati Dislivello: m. 890

Itinerario che si svolge in ambiente aperto e panoramico, l'Alta Via Bruno Federspiel (n. 616) segue il filo di cresta tra Val di San Pellegrino e Val dei Monzoni. Raggiunta velocemente la Punta delle Selle (m. 2593), il sentiero, che prosegue sempre più esposto fra roccette ed erba, conduce in ca. 40' alla vetta della Punta d'Allochèt (2582 m), oltrepassata la quale si supera ancora un baraccamento austriaco e si raggiunge in breve l'attacco della cresta dei Monzoni. Alcuni passaggi, su placche lisce, sono attrezzati con corda fissa. Attraversata una sella erbosa alla base dello Spiz de Tariciogn (m. 2647), seguendo i segnavia si raggiunge dopo una ripida salita la larga sella della Forcella Ricoletta (m. 2431). Da qui è possibile scendere in 2h a Fango, in Val di San Pellegrino, o proseguire per la Cima Malinverno (m. 2630) poi, scendendo, raggiungere Forcella Vallaccia (zona mineraria) e di qui raggiungere il Rifugio Vallaccia (m. 2275) dal quale attraverso i pascoli di Gardeccia, si arriva nella Val dei Monzoni.

Sentiero attrezzato Gino Badia    Difficoltà: EE Dislivello: m. 760

Partendo dal Passo delle Selle, il Sentiero Gino Badia (N. 640) permette di raggiungere la verde Val S. Nicolò, attraversando la splendida conca del Lagusèl, un laghetto dal caratteristico colore verde-azzurro, seminascosto in una valletta circondata da pini cimbri e ontani. La prima parte, che raggiunge la Forcella del Piéf (m. 2186), aperta tra il Sass da Pief ed il Monte Palón, prevede il superamento di un breve tratto attrezzato con corde fisse, che guidano lungo una ripida rampa rocciosa. Oltrepassata la conca del Lagusèl, il sentiero conduce in ca. 45', attraverso il bosco del versante SO del M. Pecòl, alla località Mezzaselva nella Valle di S. Nicolò.